Nessun luogo è come casa

di Arianna Greci

L’isolamento attuale ha costretto la maggior parte di noi a rintanarsi nelle proprie case, altri a ritrovarvisi imprigionati, o estranei. Ognuno ha dovuto confrontarsi con l’ambiente che lo circondava, scoprirlo o riscoprirlo. Ognuno ha dovuto trovare un nuovo modo per vivere questo ambiente: adattarlo a ufficio, aula, palestra, bar; o vera casa. La mancanza della propria casa ha inciso profondamente su coloro che non hanno potuto o non hanno voluto tornarci. La mancanza di tutto il resto, invece, ha aumentato la consapevolezza di chi la casa la stava vivendo. Il vuoto, soprattutto di tempo, lasciato dal lavoro, dalle abitudini ci ha dato modo di fermarci, e soffermarci, dove prima non lo facevamo mai. Il vuoto lasciato dalle persone, dagli affetti, ha aumentato il legame con l’ambiente, per farci trovare conforto.

Nessun luogo è come casa perché la casa non è solo famiglia, non sono solo le persone che la abitano, ma è un luogo fisico ben preciso, unico: di questo, la frase stampata in cianotipia vuole essere un memorandum, un ricordo o un monito. Sia in un momento difficile come questo, sia in un futuro ritorno alla normalità, per non perdere abitudini e legami costruiti con il luogo in cui viviamo.

a. g.

Tecnica Cianotipia su carta cotone Fabriano, 200g. 4/4
Dimensioni 29.7 x 20 cm
Anno 2020

    Richiedi informazioni

    Altre opere di Arianna Greci

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi