Lorenzo Sperzaga

Cremona, 1979

Si diploma presso il liceo scientifico Respighi di Piacenza nel ’98 per poi frequentare la N.A.B.A. (Nuova Accademia di Belle Arti) a Milano fino al conseguimento della laurea nel 2003.
Da subito rivela una forte inclinazione per la figura e per il simbolismo. Dopo la guida del celebre pittore minimalista Claudio Olivieri, continua fino al 2010 un percorso segnato dall’esempio del pittore Emanuele Mocarelli, che coniuga l’attività artistica con un intenso percorso spirituale. A Milano lavora dapprima nello studio di restauro di arte contemporanea di Renata Kness e poi nel laboratorio di cornici di Aldo Isgrò (fratello del celebre artista Emilio). Ha così modo di studiare e perfezionare la propria tecnica confrontandosi con i grandi artisti del ‘900 di cui ha modo di esaminare le opere da vicino. Al contempo si dedica ad un’intensa attività teatrale, che condizionerà in modo peculiare anche la sua produzione pittorica. Inizia fin da subito ad esporre in numerose gallerie di Milano, Cremona, Verbania, Salò. Dal 2006 la sua ricerca simbolista si orienta verso temi spirituali con un ciclo di opere dedicate alla leggenda medioevale di San Cristoforo, con le quali intraprende una proficua collaborazione con la galleria Alphacentauri di Parma.
Tornato a Cremona nel 2007, mentre fonda e gestisce l’associazione culturale GIANO (occupandosi di direzioni artistiche, interpretazioni e regie teatrali), è docente per otto anni di tecniche teatrali all’interno del Master per l’insegnamento dell’Italiano presso l’Università Cattolica di Milano. Prosegue intanto la sua attività pittorica collaborando con lo studio Welcome Home. A Cremona Lorenzo Sperzaga trova l’appoggio ed il favore dei critici Simone Fappanni, Ezio Maglia, Raffaella Colace e Tiziana Cordani.
Nel 2018 Sperzaga si sposta a Savona con la sua famiglia, in un appartamento proprio davanti al mare. Quello stesso mare, davanti al quale nel 2019 celebra le sue nozze, è la nuova fonte di ispirazione delle sue opere. In questa nuova fase rinuncia ai contenuti simbolisti per abbandonarsi pienamente all’elemento acqua, alla vastità dell’orizzonte, al movimento incessante e alla potenza del mare. Dedica il ciclo Respiro proprio a questo abbandono di ogni suo cerebralismo e alla conquista di una ricerca più libera e sinceramente interiore. Dopo un anno di rappresentazione di puro mare torna alla figura integrandola nell’elemento ‘acqua’, con un sapore ancora una volta simbolista, pur mantenendo l’ampiezza di veduta e l’indipendenza da un concettualismo troppo spinto. Tra il 2019 e il 2020 espone in personali e collettive presso fiere o gallerie di Savona, Genova, Cremona, Brescia, Firenze, Lucca, Padova, Matera.

Opere di Lorenzo Sperzaga
mostre passate di Lorenzo Sperzaga

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi